l'abito non fa il monaco

Il mondo del Service dalla A alla Z... Forum riservato alla discussione ed al confronto di tutte le problematiche riguardanti il mondo del "Rent"

Moderatori: keepsound, pannokia, Bufalo

Re: l'abito non fa il monaco

Messaggiodi FabiLiba » ven ago 17, 2012 11:26 am

Buongiorno Renato. Quando ho detto che non avrebbero dovuto rischiare mi riferivo alla Proloco per il concerto di Hevia. Loro hanno sicuramente molte conoscenze e non è il primo spettacolo che organizzano (a differenza tua che ne fai uno all'anno): se hanno affidato il servizio a questo service, a mio personale giudizio, vuol dire che hanno spuntato un buon prezzo e pensavano di aver fatto l'affare del secolo.

Quest'anno tutti non hanno soldi, tutti vogliono sputare prezzi impossibili e spesso si affidano ad occhi chiusi a chi propone un prezzo ridicolo. E dopo hanno ancora il coraggio di lamentarsi. Come da tue parole: "C'era la Proloco che se avesse potuto lo avrebbe messo al muso".
Fabio Libardi
Avatar utente
FabiLiba
 
Messaggi: 430
Iscritto il: lun giu 25, 2007 6:02 pm
Località: Levico Terme (TN)

Re: l'abito non fa il monaco

Messaggiodi rezangaev » ven ago 17, 2012 12:11 pm

FabiLiba ha scritto:Buongiorno Renato. Quando ho detto che non avrebbero dovuto rischiare mi riferivo alla Proloco per il concerto di Hevia. Loro hanno sicuramente molte conoscenze e non è il primo spettacolo che organizzano (a differenza tua che ne fai uno all'anno): se hanno affidato il servizio a questo service, a mio personale giudizio, vuol dire che hanno spuntato un buon prezzo e pensavano di aver fatto l'affare del secolo.

Quest'anno tutti non hanno soldi, tutti vogliono sputare prezzi impossibili e spesso si affidano ad occhi chiusi a chi propone un prezzo ridicolo. E dopo hanno ancora il coraggio di lamentarsi. Come da tue parole: "C'era la Proloco che se avesse potuto lo avrebbe messo al muso".

beh Fabio, non sono poi da biasimare, sono momenti oscuri per tutti, ci saranno certamente anche service che pur di lavorare escono a prezzi concorrenziali, è una legge di mercato dai. Quello che effettivamente manca nel settore professionale sono delle tabelle di riferimento. E' un lavoro talmente specifico che difficilmente un cliente è a conoscenza di cosa serve e soprattutto di cosa costa. Lavoro un pochino nel campo video e mi rendo conto che potrei chiedere 10 a uno e ad un'altro per la stessa cosa potrei chiedere 100. Non sanno ne perchè ne per come. Ho avuto modo di lavorare con services che alla richiesta di preventivo ti mettono il prezzo di ogni singolo componente, e da questo si evince che il costo maggiore è per i tecnici e per la messa in sicurezza. Ovvio che se nell'elenco ci metti i nomi dei componenti e il cliente non sa se quel componente è una lampadina o un cesso chimico sarà come parlare arabo, ma si può arrivare ad un compromesso comprensibile. Il più delle volte manca la chiarezza e si va a forfait, massì te lo faccio io a tot. ecco che in in un contesto come questo, il cliente "ignorante" è autorizzato a pensare che gli porti la stessa cosa ad un prezzo inferiore. Tu che sei service, saprai se ci stai dentro oppure no, io come cliente ovviamente cercherò di spendere meno possibile.Ragazzi, io sull'aspetto commerciale delle trattative non me la sento di condannare ne i services ne i clienti, sono due mondi che devono per forza interagire. Condanno i services che non rispettano gli accordi e i clienti che bidonano o, come accadeva anni fa, a fine spettacolo ti davano quel che volevano.
Renato Zanardo
rezangaev
 
Messaggi: 18
Iscritto il: mer ago 15, 2012 10:31 pm

Re: l'abito non fa il monaco

Messaggiodi eblues » ven ago 17, 2012 1:01 pm

Cercare di risparmiare e cercare di non farsi "fregare" ci può stare. Ma chiedere la luna e non volerla pagare è un po' impossibile. Secondo me vale sempre la regola che la qualità si paga. Purtroppo causa gente disonesta alle volte si paga la non qualità. Ma è assurdo pensare di avere qualità, quando si accettano i preventivi eccessivamente bassi.
Io non sono un meccanico, non mi intendo di motori, ma se entro in un concessionario e il venditore mi propone un'utilitaria nuova di zecca con garanzia 3 anni/100000 km a meno di 8000 €, non penso che tutte le normali case automobilistiche mi vogliano fregare e che l'unico venditore d'auto onesto l'abbia sotto gli occhi. Penserò piuttosto il contrario.
Per cui la scusa che non si è tecnici o del mestiere vale fino ad un certo punto. Soprattutto per chi organizza spettacoli da una vita, come una proloco. La verità è che vogliamo essere pagati, ma non vogliamo pagare il lavoro e gli investimenti altrui. E questo vale per motli ambiti lavorativi, non solo i services.
Giovanni Bachiorrini
eblues
 
Messaggi: 76
Iscritto il: lun giu 25, 2007 6:01 pm

Re: l'abito non fa il monaco

Messaggiodi rezangaev » ven ago 17, 2012 1:42 pm

eblues ha scritto:Cercare di risparmiare e cercare di non farsi "fregare" ci può stare. Ma chiedere la luna e non volerla pagare è un po' impossibile. Secondo me vale sempre la regola che la qualità si paga. Purtroppo causa gente disonesta alle volte si paga la non qualità. Ma è assurdo pensare di avere qualità, quando si accettano i preventivi eccessivamente bassi.
Io non sono un meccanico, non mi intendo di motori, ma se entro in un concessionario e il venditore mi propone un'utilitaria nuova di zecca con garanzia 3 anni/100000 km a meno di 8000 €, non penso che tutte le normali case automobilistiche mi vogliano fregare e che l'unico venditore d'auto onesto l'abbia sotto gli occhi. Penserò piuttosto il contrario.
Per cui la scusa che non si è tecnici o del mestiere vale fino ad un certo punto. Soprattutto per chi organizza spettacoli da una vita, come una proloco. La verità è che vogliamo essere pagati, ma non vogliamo pagare il lavoro e gli investimenti altrui. E questo vale per motli ambiti lavorativi, non solo i services.

Sono supposizioni Giovanni. Prova ad andare a qualsiasi Proloco e parla con terminologia tecnica e vedi quanti ti capiranno. Le Proloco vogliono che sia ben illuminato, che si senta bene e che costi poco. Vogliono la luna a costo zero? ci sono 3 soluzioni: 1) non gliela dai, 2) le convinci che per quell'evento ci vuole questo e quello e che conviene spendere qualcosa (per fare questo bisogna saper vendere e lo sanno fare pochi), 3) gliela prometti ma poi gli tiri il pero. In quest'ultimo caso, puoi dire tutto quello che vuoi, ma il service è disonesto.
Nel mio caso ha saputo vendermi qualcosa che non aveva. Non mi ha fatto offerte minimali, come dicevo voleva 1000 euro in più degli altri.
Renato Zanardo
rezangaev
 
Messaggi: 18
Iscritto il: mer ago 15, 2012 10:31 pm

Re: l'abito non fa il monaco

Messaggiodi Kilomax » ven ago 17, 2012 7:48 pm

Renato secondo me hai sottovalutato il tuo evento fidandoti. Ci metti un'anno a prepararlo, da come ne parli ci metti anche il cuore. Tutto ciò che orbita sul tuo evento deve essere vissuto cosi...tutti gli addetti ai lavori devono farlo.
Per tanto in futuro affidati più agli uomini per il loro saper fare che dell'elenco materiale che possiedono.
Ho conosciuto tecnici con le palle esagonali che con due lampadine e 4 altoparlanti crepati hanno fatto dei lavori come cristo comanda.
Antonio De Vincenzo
Kilomax
 
Messaggi: 1190
Iscritto il: dom nov 01, 2009 4:16 pm

Re: l'abito non fa il monaco

Messaggiodi rezangaev » sab ago 18, 2012 1:42 am

Kilomax ha scritto:Renato secondo me hai sottovalutato il tuo evento fidandoti. Ci metti un'anno a prepararlo, da come ne parli ci metti anche il cuore. Tutto ciò che orbita sul tuo evento deve essere vissuto cosi...tutti gli addetti ai lavori devono farlo.
Per tanto in futuro affidati più agli uomini per il loro saper fare che dell'elenco materiale che possiedono.
Ho conosciuto tecnici con le palle esagonali che con due lampadine e 4 altoparlanti crepati hanno fatto dei lavori come cristo comanda.


eh beh certo, l'esperienza si fa correggendo gli errori. Non capiterà più e se per qualsiasi ragione fossi costretto a rivolgermi a sconosciuti lo farò con un contratto e la clausola di rimborso dei danni in caso non vengano rispettati gli accordi.
Nel frattempo ho montato qualcosa di quest'anno. Final Cut e after effect sono magici per correggere le immagini. Per l'audio ho utilizzato le tracce originali, mescolandole con gli applausi di più tracce equalizzandole per togliere i bassi. Alla ne cado sempre in piedi. Insegnamo a fare i salti mortali agli atleti e dobbiamo saperli fare anche noi :-)
https://vimeo.com/47714822
Renato Zanardo
rezangaev
 
Messaggi: 18
Iscritto il: mer ago 15, 2012 10:31 pm

Re: l'abito non fa il monaco

Messaggiodi Kilomax » sab ago 18, 2012 2:13 am

bel video...sapessi saltare anch'io cosi.... non so se le riprese del video postato è del service di cui parli, comunque qualche miglioria tecnica si può apportare.

Il piazzato bianco andrebbe aumentato, su molte inquadrature i volti sono in ombra...le ombre stesse di chi è sul palco sono molto evidenti....magari sacrifichi qualche faro motorizzato.
Una soluzione con lo schermo che ho visto...penso un 4*3mt andrebbe usato uno videoproiettore con potenza non inferiore ai 5000/6000 A.l.
L'audio deve riprodurre basi, se non ho capito male. Dovrebbe essere piu facile gestirlo basta distribuirlo bene.
Se hai gente seduta in prossimità del palco, e non hai molta profondità meglio un impianto p.source che un L.array e semmai avesse usato questo bastava predisporre dei front fill.
Antonio De Vincenzo
Kilomax
 
Messaggi: 1190
Iscritto il: dom nov 01, 2009 4:16 pm

Re: l'abito non fa il monaco

Messaggiodi rezangaev » sab ago 18, 2012 9:36 am

Kilomax ha scritto:bel video...sapessi saltare anch'io cosi.... non so se le riprese del video postato è del service di cui parli, comunque qualche miglioria tecnica si può apportare.

Il piazzato bianco andrebbe aumentato, su molte inquadrature i volti sono in ombra...le ombre stesse di chi è sul palco sono molto evidenti....magari sacrifichi qualche faro motorizzato.
Una soluzione con lo schermo che ho visto...penso un 4*3mt andrebbe usato uno videoproiettore con potenza non inferiore ai 5000/6000 A.l.
L'audio deve riprodurre basi, se non ho capito male. Dovrebbe essere piu facile gestirlo basta distribuirlo bene.
Se hai gente seduta in prossimità del palco, e non hai molta profondità meglio un impianto p.source che un L.array e semmai avesse usato questo bastava predisporre dei front fill.


Grazie Antonio. Ti do qualche info quasi tecnica su questo tipo di spettacolo e sulla location. I palchi da illuminare sono 4: la zona centrale mt 14x14 - la zona parallele asimmetriche a Destra mt 6x5 - la zona della trave a sinistra mt 8x3 e la zona dei trampolini sul retro mt 4x2. Ognuna di queste postazioni dovrebbe avere il suo piazzato e i suoi controluce. Lo spazio totale utile è di mt 30x15. Le colonne per le americane possono essere piazzate soltanto a formare una U aperta. Aperta, perchè altrimenti sul retro si avrebbe una tratta di 20 metri e le americane da 30 non basterebbero più. La luce frontale può andare solo sopra le gradinate a 20 metri di distanza. Di solito usiamo 25 kw di bianco ma quest'anno ne avevo solo 15. Anche il video proiettore va lì (non si può attaccare nulla al soffitto) usiamo un 10000 AL ma sono 36 metri di distanza.
Per le riprese video, beh qui mi diverto anche se è massacrante. Lo spettacolo si replica identico per 4 sere. Identico sia per coreografie, per costumi e per illuminazione. Usiamo da 4 a 6 telecamere che moltiplicate per 4 repliche diventano da 16 a 24. Il montaggio richiede un paio di mesi di lavoro. Ma questo per un motivo apparentemente assurdo. Nemmeno io so cosa salterà fuori, perchè le coreografie le seguo solo superficialmente, lascio il compito interamente agli istruttori. Non ci sono spazi temporali per le prove generali, abbiamo allievi che variano dai 3 anni ai 18, i più piccoli si perdono e con loro riusciamo a provare solo il proprio numero, ma non siamo mai riusciti a fare una prove generali con tanto di calcolo delle tempistiche per entrate uscite, cambi costume e quant'altro. Quindi, non posso fare una regia video. Do istruzioni ai cameraman di prendere quello che riescono dando le indicazioni più precise a quelli che so che sono in grado di farmi i primi piani i mezzi busti, le figure intere. Loro sanno che la sera successiva dovranno cambiare inquadratura. Il resto sono solo camere di backup.
Renato Zanardo
rezangaev
 
Messaggi: 18
Iscritto il: mer ago 15, 2012 10:31 pm

Re: l'abito non fa il monaco

Messaggiodi meloalex » sab ago 18, 2012 12:22 pm

Cazzarola che bello spettacolo...

Beh allora spero che quest'anno ti affiderai a qualcuno di più decente perché "buttare" uno spettacolo così per colpa di qualcuno... beh :evil:

Comunque qui dove abito io ci sono service che per un ring 4 teste mobili 8 par led 36x1w 2 cambiacolori led e 2 proiettori bianchi... Impianto audio da 7000-9000w ti chiedono anche 2000€ a serata... E SCORDATEVI LA MESSA IN SICUREZZA eh!!

PS: Ho visto torry layher "appoggiate" e controventate con dei MATTONI da cantiere!! Un mio amico ingegnere l'ha visto e ha detto che se fossero andati i controlli l'avrebbero messo in gabbia... Ma qui tutto va bene e tutto è lecito!
Alessandro Meloni
meloalex
 
Messaggi: 13
Iscritto il: gio ago 16, 2012 1:05 am

Re: l'abito non fa il monaco

Messaggiodi m.paolo » sab ago 18, 2012 4:32 pm

Per le distanze che hai descritto non puoi caricare le americane 30x30. E pericoloso per chi c'è sotto.Se devi avere un ottimo piazzato usa 4 fari da 5000. con cambiacolore. oppure usa 4 city color come frontali. motorizzati non dei giocattoli da 250. e per le ombre altri cambiacolori. con molto meno materiale avrai un ottima resa. Se ci descrivi la planimetria esatta del palazzetto ti facciamo noi una schematica di allestimento. Il soffitto da cosa è composto reticolo metallico o travi prefabbricate in cemento, hai mai preso in considerazione di sospendere tutto.
Paolo Monaco
m.paolo
 
Messaggi: 311
Iscritto il: sab gen 24, 2009 7:39 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Services e Dintorni...

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti

apri »