Nuovi digitali da Soundcraft

Il mondo del Service dalla A alla Z... Forum riservato alla discussione ed al confronto di tutte le problematiche riguardanti il mondo del "Rent"

Moderatori: keepsound, pannokia, Bufalo

Nuovi digitali da Soundcraft

Messaggiodi Vicus » gio apr 11, 2013 1:43 am

Qualcuno li ha comprati? Penso sopratutto al 32 canali, dovrebbe chiamarsi SI Expression. Oggi è venuto il rappresentante e me ne ha parlato. Vorrei sapere se qualcuno li ha già presi e usati.
Andrea Vico
Vicus
 
Messaggi: 30
Iscritto il: sab nov 24, 2012 1:39 pm

Re: Nuovi digitali da Soundcraft

Messaggiodi audiolucidafne » gio apr 11, 2013 12:30 pm

Mi accodo anch'io a questa domanda sopratutto perchè si parla di partner importanti, Tipo:lexicon, dbx, bss e lo vedo molto versatile. Bho, spero ci sia qualcuno che l'abbia provato.Attendo notizie.grazie a tutti.
Tommaso Romagno
audiolucidafne
 
Messaggi: 6
Iscritto il: mer dic 08, 2010 6:54 pm

Re: Nuovi digitali da Soundcraft

Messaggiodi Vicus » gio apr 11, 2013 12:44 pm

Credo siano tutti marchi sotto lo stesso "padrone" che dovrebbe essere Harman.
Andrea Vico
Vicus
 
Messaggi: 30
Iscritto il: sab nov 24, 2012 1:39 pm

Re: Nuovi digitali da Soundcraft

Messaggiodi TonyNoise » mar giu 04, 2013 6:34 am

Il service per cui lavoro ha recentissimamente acquistato il Si Expression 32 canali, che useremo principalmente sul palco o come foh+palco per le piccole situazioni.
Non l'abbiamo ancora testato sul campo, ma ad una prima prova "casalinga" mi pare pressochè identico al Si Compact, che mi è capitato di usare più volte. Rispetto a quest'ultimo, l'Expression ha 54 canali mono, anzichè 32 (forse hanno aumentato la potenza del DSP), 8 aux mono + 6 mono/stereo (mentre nel Compact per avere le mandate stereo bisognava linkarne due mono), mancano invece i jack dedicati ai 4 send/4 return analogici, insertabili su altrettanti canali.

Riguardo al suono non mi pronuncio, almeno finchè non lo testerò per bene su un palco, ma presumo non sia cambiato nulla o quasi dal Compact (che mi ha lasciato un impressione nel complesso positiva). Quanto dirò deriva dall'esperienza con quest'ultimo.

PREGI:
- ha un'interfaccia semplice e velocissima, quasi quanto un analogico, tutto ciò che è "regolazioni audio" è su encoder dedicati, senza bisogno di entrare in menu/sottomenu, mentre il touchscreen serve solo per impostazioni, nomi canali, salvare, ecc..., poche pigiate di tasti, pochi cambi di layer, "pochi occhi fissi sullo schermino" :) durante lo show, rispetto ad altri digitali;
- ha EQ grafici e compressori su qualsiasi bus, senza dover patchare o insertare nulla.. ci sono, sempre disponibili ovunque;
- gli EQ grafici hanno un feeling (e a parer mio, un suono) analogico. I fader diventano i cursori dell'EQ, con addirittura lo scattino sullo zero. Ottimi nei casi in cui serve velocità d'intervento, tipo l'annientamento di un larsen sui monitor. Peccato che nel 32 non vengano usati tutti i fader, invece che la sola seconda metà, come nel 16 e 24ch.
- i 4 bus degli effetti sono dedicati.. ovvero anche usando tutti e 4 gli effetti, non vengono consumate le 14 mandate aux.
- i 4 fader layer sono totalmente configurabili a piacere.. si possono mescolare input, bus, fx, ecc.. nel medesimo layer.

DIFETTI:
- è un mixer pensato per il live, come tale con molta sostanza dove serve e quasi niente fronzoli.. ma le librerie, almeno per gli effetti, avrebbero potuto metterle!;
- i VU meter fanno pena. Pochissimi led, con salti anche di 12dB e lenti nella risposta (evidentemente hanno scelto un delta di tempo piuttosto lungo nel calcolo del valore RMS), non impostabili in modo PEAK; qualche led in più non avrebbe guastato anche negli encoder;
- con il sole non si vede una mazza! :) (ma questo è un difetto di quasi tutti i digitali);
- sulla destra del mixer sono presenti dei tasti pericolosissimi (ci manca solo l'autodistruzione :lol: ) : RECALL che richiama l'ultima scena salvata in uso, NEXT che passa alla successiva. Il problema è che non viene chiesta alcuna conferma e se pigiati accidentalmente durante lo show può accadere un disastro. Anche il pulsante ON sul master fader, avrebbero fatto meglio a tenerlo più distante dal tasto SEL... non che io abbia dita grosse ma........
- manca ancora l'editor offline, che spero migliorino rispetto a quello del Compact, che non era un granchè.. inoltre l'applicazione per il controllo remoto con l'iPad è anni luce indietro rispetto ad altri digitali (Yamaha in primis). Si possono regolare solo i fader, le aux e gli EQ grafici. Va bene per fare i monitor a fianco del musicista, solo una volta fatti i suoni.
Antonio Fenu
TonyNoise
 
Messaggi: 16
Iscritto il: ven lug 20, 2012 4:49 pm


Torna a Services e Dintorni...

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti

cron
apri »