Corso on line norma CEI 11-27

Forum dedicato...

Moderatori: keepsound, Bufalo

Re: Corso on line norma CEI 11-27

Messaggiodi Audi0man » lun set 17, 2012 1:51 pm

Continui a dire cose che sono ben poco utili, perchè qui trovi per il 99% o fonici (che solitamente se ne fregano allegramente delle qualifiche perchè sarebbero poco più che inutili), o service.

I secondi, non si pongono il problema della PAV o PES, ma piuttosto quello di avere o meno i requisiti per la 37/08.

Inoltre avere la PAV/PES, ti permette di mettere mani a qualcosa, ma sotto la diretta responsabilità di un responsabile tecnico.

Quindi chiedo, in questo caso chi è il responsabile tecnico ?
Augusto Gregori
Audi0man
 
Messaggi: 479
Iscritto il: ven apr 16, 2010 12:11 am

Re: Corso on line norma CEI 11-27

Messaggiodi RobRoy » lun set 17, 2012 3:52 pm

ma di cosa stiamo parlando? è sempre il post sul corso per la norma CEI 11-27, giusto? ti ricordo che io non ho proposto il discorso su questo forum, quindi non prendertela con me, ho solo detto quello che è un corso CEI 11-27 e a chi è rivolto (almeno mi permetto di farlo dato che conosco la materia) per evitare che qualche collega poco informato possa essere intortato e si ritrovi a pagare per un corso di cui non ha nessuna necessità...non capisco tutta questa polemica
giusto per chiarire utleriormente ti voglio sottolineare i passaggi salienti del discorso...

Audi0man ha scritto:Continui a dire cose che sono ben poco utili, perchè qui trovi per il 99% o fonici (che solitamente se ne fregano allegramente delle qualifiche perchè sarebbero poco più che inutili), o service.
I secondi, non si pongono il problema della PAV o PES, ma piuttosto quello di avere o meno i requisiti per la 37/08.


infatti, tralasciando la parte che hai scritto tra parentesi perché oltre ad essere opinabile non ha riscontro nella realtà (vai a chiedere ad un fonico di studio se non gliene frega nulla della sua sudata qualifica di operatore ProTools, o senza andare lontano, chiedi agli utenti che hanno scritto all'inizio del post cosa ne pensano delle qualifiche), se ti fossi preso la briga di leggere, oltre che di guardare, il mio intervento precedente, avevo chiarito questo punto, dopo aver spiegato a cosa serve il corso in questione, dicendo:

RobRoy ha scritto:il mio intervento era riferito a quei lavoratori a cui questa qualifica può interessare, poi sta all'intelligenza e alla competenza del singolo individuo che dovrebbe scremare quello che ho scritto tenendo la parte che lo interessa e capire se per il suo lavoro serva o no avere una qualifica del genere


ora ti chiedo di nuovo, di cosa stiamo parlando? è sempre il post sul corso per la norma CEI 11-27, giusto? cosa c'entra il DM 37/08 con un corso per PES/PAV??? a questo punto perché non citiamo pure la norma CEI 64-8, o la CEI 100-55, o il DPR 547/55, o la CEI 11-15 e chi più ne ha più ne metta, facciamo a chi cita più fonti? :D
poi leggo:

Audi0man ha scritto:Inoltre avere la PAV/PES, ti permette di mettere mani a qualcosa, ma sotto la diretta responsabilità di un responsabile tecnico.
Quindi chiedo, in questo caso chi è il responsabile tecnico ?


ma chi te l'ha detto questa cosa? se sei PES puoi anche lavorare da solo senza nessuno intorno, dipende dalla lavorazione, quello che hai riportato avrebbe senso SOLO se tu fossi un PAV o un PEC (Persona Comune, come definito nella norma CEI) e il tuo Responsabile Tecnico fosse un PES.
quello che tu hai descritto è ciò che viene definito un intervento in supervisione, che la norma contempla e non dice da nessuna parte che il PES deve essere il Responsabile Tecnico della ditta! chi ti ha detto questa fregnaccia non conosce la normativa, altrimenti saprebbe che un responsabile tecnico può anche non essere un impiantista, quindi non avere la qualifica di PES o PAV!
chi ha scritto la norma ha volutamente diviso le qualifiche in base all'esperienza e non al titolo o alla posizione in ditta, proprio per non incorrere in questi problemi.

spero di aver chiarito DEFINITIVAMENTE cosa è un corso per PES/PAV, a questo punto se hai dei dubbi sul DM 37/08 (o chiunque abbia dei dubbi in questo senso) ti consiglio di aprire un argomento e linkarlo qua, sarò felice di chiarire le cose anche per quanto riguarda il decreto. ;)
Roberto Pisutu
Avatar utente
RobRoy
 
Messaggi: 16
Iscritto il: lun dic 07, 2009 7:18 pm

Re: Corso on line norma CEI 11-27

Messaggiodi Audi0man » lun set 17, 2012 5:03 pm

Ok, ho già perso troppo tempo, ci rinuncio.
Augusto Gregori
Audi0man
 
Messaggi: 479
Iscritto il: ven apr 16, 2010 12:11 am

Re: Corso on line norma CEI 11-27

Messaggiodi RobRoy » lun set 17, 2012 5:22 pm

Bravo, saggia decisione! :lol:
Roberto Pisutu
Avatar utente
RobRoy
 
Messaggi: 16
Iscritto il: lun dic 07, 2009 7:18 pm

Re: Corso on line norma CEI 11-27

Messaggiodi Audi0man » lun set 17, 2012 5:30 pm

Vedi di non fare troppo il figo, e ti consiglio di studiare anche l'italiano.

Oppure, se è un problema meccanico, con quello che guadagni facendo i corsi a chi non è dipendente di una ditta con le qualifiche tecniche per poter assegnare la PES ai dipendenti, comprati una tastiera con le maiuscole.

N.B. non continuo con la discussione semplicemente perchè buona parte delle persone che ci sono qui sanno già esattamente come stanno le cose, e nemmeno ti danno retta.

Scemo io perdere tempo.
Augusto Gregori
Audi0man
 
Messaggi: 479
Iscritto il: ven apr 16, 2010 12:11 am

Re: Corso on line norma CEI 11-27

Messaggiodi RobRoy » lun set 17, 2012 6:14 pm

sono d'accordo soprattutto con l'ultimo periodo, ma permettimi di dissentire sulla presenza delle ultime due parole (visto che, a quanto pare sto rispondendo a un assiduo utente del forum dell'Accademia della Crusca, sappi che davanti a "perdere" dovresti metterci una "a" perché abbia senso in italiano)

non continui la discussione perché hai finito le storielle da spacciare per vere, perché basta leggere la norma per vedere chi ha ragione e chi no, quindi è giusto che ora prosegui per la tua strada e la smetti di mistificare competenze e confondere le idee agli altri.

anzi ti do un consiglio io, impara a leggere! intendo leggere veramente! non guardare solo le forme delle lettere, vai oltre, cerca il significato delle parole, ti accorgerai che quei buffi simbolini chiamati "punteggiatura" rendono egregiamente il senso delle frasi senza l'uso delle maiuscole. ;)

se cerchi su amazon dovresti essere in grado di trovare qualcosa di interessante tipo questo, buona "LETTURA"!
Roberto Pisutu
Avatar utente
RobRoy
 
Messaggi: 16
Iscritto il: lun dic 07, 2009 7:18 pm

Re: Corso on line norma CEI 11-27

Messaggiodi Audi0man » lun set 17, 2012 6:19 pm

Te lo dico in tutta tranquillità: HAI RAGIONE.

E te lo ripeterò il giorno che una della persone che è qua, che magari è dipendente o titolare di un service che NON ha la qualifica per la 37/'08, riuscirà ad essere PES e responsabile tecnico per la propria ditta.

Come membro del forum della crusca, ti dico che hai superato i limiti: se tu sapessi chi fa parte di questo forum caleresti le orecchie e non faresti tanto il figo (inutilmente).

E con questo chiudo.
Augusto Gregori
Audi0man
 
Messaggi: 479
Iscritto il: ven apr 16, 2010 12:11 am

Re: Corso on line norma CEI 11-27

Messaggiodi RobRoy » lun set 17, 2012 7:33 pm

a sto punto, io veramente non so se ridere o piangere...!

ma che problemi hai? hai bisogno che ti portino per mano a vedere le cose? va bene! basta dirlo! non sai usare google per cercare una normativa o non riesci a cliccare sul mio link di prima? ok! perfetto!

LEGGI qua è semplice, le parti in rosso sono gli argomenti più salienti, quindi se leggi solo quelle è ANCORA PIU' SEMPLICE:
DM 37/08
ART.1 :Il presente decreto si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione d'uso, collocati all'interno degli stessi o delle relative pertinenze. Se l'impianto è connesso a reti di distribuzione si applica a partire dal punto di consegna della fornitura.
Gli impianti di cui al comma 1 sono classificati come segue:
a) impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell'energia elettrica, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, nonché gli impianti per l'automazione di porte, cancelli e barriere;
b) impianti radiotelevisivi, le antenne e gli impianti elettronici in genere;
c) impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione di qualsiasi natura o specie, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di ventilazione ed aerazione dei locali;
d) impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie;
e) impianti per la distribuzione e l'utilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali;
f) impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, di montacarichi, di scale mobili e simili;
g) impianti di protezione antincendio.

Gli impianti o parti di impianto che sono soggetti a requisiti di sicurezza prescritti in attuazione della normativa comunitaria, ovvero di normativa specifica, non sono disciplinati, per tali aspetti, dalle disposizioni del presente decreto.


ART.3 - comma1: Le imprese, iscritte nel registro delle imprese di cui al d.P.R. 7 dicembre 1995, n. 581 e successive modificazioni, di seguito registro delle imprese, o nell'Albo provinciale delle imprese artigiane di cui alla legge 8 agosto 1985, n. 443, di seguito albo delle imprese artigiane, sono abilitate all'esercizio delle attività di cui all'articolo 1, se l'imprenditore individuale o il legale rappresentante ovvero il responsabile tecnico da essi preposto con atto formale, è in possesso dei requisiti professionali di cui all'articolo 4.

Art. 4:
I requisiti tecnico-professionali sono, in alternativa, uno dei seguenti:
a) diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso una università statale o legalmente riconosciuta;
b) diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo con specializzazione relativa al settore delle attività di cui all'articolo 1, presso un istituto statale o legalmente riconosciuto, seguiti da un periodo di inserimento, di almeno due anni continuativi, alle dirette dipendenze di una impresa del settore. Il periodo di inserimento per le attività di cui all'articolo 1, comma 2, lettera d) è di un anno;
c) titolo o attestato conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale, previo un periodo di inserimento, di almeno quattro anni consecutivi, alle dirette dipendenze di una impresa del settore. Il periodo di inserimento per le attività di cui all'articolo 1, comma 2, lettera d) è di due anni;
d) prestazione lavorativa svolta, alle dirette dipendenze di una impresa abilitata nel ramo di attività cui si riferisce la prestazione dell'operaio installatore per un periodo non inferiore a tre anni, escluso quello computato ai fini dell'apprendistato e quello svolto come operaio qualificato, in qualità di operaio installatore con qualifica di specializzato nelle attività di installazione, di trasformazione, di ampliamento e di manutenzione degli impianti di cui all'articolo 1.
I periodi di inserimento di cui alle lettere b) e c) e le prestazioni lavorative di cui alla lettera d) del comma 1 possono svolgersi anche in forma di collaborazione tecnica continuativa nell'ambito dell'impresa da parte del titolare, dei soci e dei collaboratori familiari. Si considerano, altresì, in possesso dei requisiti tecnico-professionali ai sensi dell'articolo 4 il titolare dell'impresa, i soci ed i collaboratori familiari che hanno svolto attività di collaborazione tecnica continuativa nell'ambito di imprese abilitate del settore per un periodo non inferiore a sei anni. Per le attività di cui alla lettera d) dell'articolo 1, comma 2, tale periodo non può essere inferiore a quattro anni.


lo RIBADISCO PER TE che ancora non hai capito e per gli eventuali ritardatari che, giustamente, non hanno voglia di leggersi tutti gli interventi diluiti nelle tue favolette precedenti, PES e PAV sono qualifiche che vi dà il datore di lavoro, il corso serve solo a semplificargli il lavoro di verifica delle conoscenze (e nel caso di un impresa unipersonale, dove il titolare è anche l'unico lavoratore, come nel caso di alcuni liberi professionisti chi sarà mai il datore di lavoro?!?...mah!!! mistero!!!), vi POTREBBERO servire solo se operate in una ditta descritta al comma 1 dell'articolo 3 o siete un Libero Professionista con i requisiti dell'articolo 4 e che opera nel campo descrtitto dall'articolo 1 .

detto questo ti invito a smetterla di spacciarti per un esperto conoscitore del DM 37/08 (nonché dell'italiano) perché se tu sai 100 allora io so 200, compresi di modi di "fare il figo", quindi se serve per rispondere ad un cafone come te, sono anche disposto a scendere al tuo livello e insegnarti un po di educazione, e ne hai di cose da scrivere e di maiuscole da correggere prima di spuntarla!
a dimostrazione del fatto che dovresti proprio comprarti il libro che ti suggerivo prima, non hai capito neanche la frase a cui ti riferisci nel penultimo periodo e te la spiego, l'iscritto all'accademia della crusca che fa notare agli altri come si usano le maiuscole sei TU, non mi sono mai riferito a nessun'altro di questo forum (ne tantomeno al forum...se non mi piacesse scrivere qui mi sarei già cancellato da tempo, sta tranquillo!), quindi vedi di non non cercarti compagnia. o forse ti senti troppo in inferiorità da solo e hai bisogno di un amichetto che ti spalleggi per coprire il fatto che hai scritto una marea di minc...ehm...inesattezze?

vedi di abbassare tu la cresta, oltre che le orecchie: sei completamente fuori-luogo.

ora scusami, ma sono già in ritardo per l'aperitivo e lo jagermeister non si versa da solo.
ti chiedo solo un favore: abbi la decenza di chiudere veramente con i tuoi interventi vacui e triviali, contribuisci solo a confondere le idee agli altri e a peggiorare la leggibilità del post.

ah dimenticavo! se vuoi quel libro te lo pago io con quei soldi che dici mi sono fatto facendo corsi, tanto la tastiera ce l'ho già e funziona da dio! ;)
Roberto Pisutu
Avatar utente
RobRoy
 
Messaggi: 16
Iscritto il: lun dic 07, 2009 7:18 pm

Re: Corso on line norma CEI 11-27

Messaggiodi Audi0man » mar set 18, 2012 9:39 am

RobRoy ha scritto:monto, configuro e gestisco le apparecchiature per conto terzi


Bravo, nessuno di noi lo fa.
Poi con la PES firmi anche la dico ?

RobRoy ha scritto:ora ti chiedo di nuovo, di cosa stiamo parlando? è sempre il post sul corso per la norma CEI 11-27, giusto? cosa c'entra il DM 37/08 con un corso per PES/PAV???


Allora c'entra o no il DM 37/08 ?
Deciditi !

ti dirò che non solo non so se un service è tenuto all'iscrizione all'albo delle imprese artigiane ma che non mi interessa neanche!


E allora non intervenire nemmeno.
Il problema attuale è che molti service non dispongono della 37/08.
No 37/08 ?
No dico...

perché se tu sai 100 allora io so 200.



Tieniti stretto il tuo 200, a me povero ignorante che non conosce l'italiano basta il mio 100.
Il saggio non sa niente, l'intelligente sa poco... poi continua.

ah dimenticavo! se vuoi quel libro te lo pago io con quei soldi che dici mi sono fatto facendo corsi, tanto la tastiera ce l'ho già e funziona da dio! ;)

ti accorgerai che quei buffi simbolini chiamati "punteggiatura" rendono egregiamente il senso delle frasi senza l'uso delle maiuscole. ;)


Per insegnare e correggere, prima bisogna essere umili e ammettere i propri errori, non correggere quelli degl'altri imponendo i propri come cose ovvie e naturali.
Io ho dimenticato una a, tu qualche centinaio di maiuscole.
Augusto Gregori
Audi0man
 
Messaggi: 479
Iscritto il: ven apr 16, 2010 12:11 am

Re: Corso on line norma CEI 11-27

Messaggiodi RobRoy » mar set 18, 2012 10:40 am

Audi0man ha scritto:Bravo, nessuno di noi lo fa.
Poi con la PES firmi anche la dico ?


per la qualifica che ho, potrei anche firmare una DiCo oltre che una DiRi, ma la PES non c'entra niente e comunque non ho detto che dovete fare come me...tra l'altro, correggimi pure se sbaglio, ma non mi sembra che i miei commenti siano della serie "fate il corso perché vi serve"

Audi0man ha scritto:Allora c'entra o no il DM 37/08 ?
Deciditi !


non c'entra se devi fare il corso! l'accesso al corso non è subordinato a niente, potrebbe farlo anche un panettiere, ma ti ripeto la domanda che ho fatto qualche intervento fa: ha senso che lo faccia?

Audi0man ha scritto:E allora non intervenire nemmeno.
Il problema attuale è che molti service non dispongono della 37/08.
No 37/08 ?
No dico...


io intervengo perché l'argomento è un corso PES/PAV (quindi CEI 11-27, non DM 37/08), e dato che insegno in un corso del genere, se permetti credo di avere qualcosina da dire.
quello del DM 37/08 e della DiCo è un'altro problema (che si risolve da solo se ti leggi gli stralci di decreto che ho pubblicato) che non c'entra nulla con un corso PES o PAV...infatti la domanda è "di cosa stiamo parlando? è sempre il post sul corso per la norma CEI 11-27, giusto? cosa c'entra il DM 37/08 con un corso per PES/PAV???" proprio perché il possedere o no i requisiti del DM non sono vincolanti per un corso del genere.

Audi0man ha scritto:Per insegnare e correggere, prima bisogna essere umili e ammettere i propri errori, non correggere quelli degl'altri imponendo i propri come cose ovvie e naturali.


SAGGIO, allora ti conviene iniziare a fare una lista dei tuoi, dato che dall'alto della tua posizione illuminata, dopo una sequela di storie fantascientifiche su INPS, INAIL e il DM; ti sei messo a dire (fuoriluogo)
Audi0man ha scritto:Oppure, se è un problema meccanico, con quello che guadagni facendo i corsi a chi non è dipendente di una ditta con le qualifiche tecniche per poter assegnare la PES ai dipendenti, comprati una tastiera con le maiuscole.

ma come ti permetti di farmi i conti in tasca? o oltre che essere "saggio" hai pure la memoria corta? (dev'essere per l'età da saggio? ;))
vuoi sapere come la penso? in un forum del genere ci sono tre categorie di utenti: quelli che sanno le cose, quelli che imparano le cose e quelli che fingono di saperle.
io faccio e farò sempre parte della seconda categoria, nonostante studi e attestati, perché se c'è una cosa che so bene dall'esperienza è che lo trovi sempre quello che è un gradino avanti a te, quindi non venirmi a parlare di umiltà dopo quello che hai scritto perché non sai neanche dove sta di casa, tu, da quello che ho letto, al massimo puoi aspirare alla terza categoria, SAGGIO.
Roberto Pisutu
Avatar utente
RobRoy
 
Messaggi: 16
Iscritto il: lun dic 07, 2009 7:18 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Consigli, diritti e doveri dei tecnici per lo spettacolo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron
apri »