fonico e corsi

Forum dedicato...

Moderatori: keepsound, Bufalo

Re: fonico e corsi

Messaggiodi freddypc » sab mag 19, 2012 3:14 pm

Com'è la cosa del timbro siae sul pass?
Mi sembra di aver capito che serve negli eventi in cui si paga il biglietto d'ingresso giusto?
Quindi tutti i pass che tutte le produzioni normalmente ti danno per qualsiasi evento a cui lavori non sarebbero validi?
Federico Bianchi
Avatar utente
freddypc
 
Messaggi: 584
Iscritto il: lun gen 21, 2008 6:39 pm

Re: fonico e corsi

Messaggiodi keepsound » sab mag 19, 2012 3:35 pm

Esatto, andrebbero fatti timbrare dalla SIAE. Io qualcuno timbrato ce l'ho, ma la maggior parte no, diciamo il 99,9%.
Italo Lombardo
Avatar utente
keepsound
 
Messaggi: 3857
Iscritto il: lun giu 25, 2007 6:01 pm
Località: La Spezia

Re: fonico e corsi

Messaggiodi alessandro » dom mag 20, 2012 11:09 am

Ritengo vada fatta una precisazione.
Il PASS che "le produzioni normalmente ti danno per qualsiasi evento a cui lavori" nulla hanno a che vedere con il TESSERINO DI RICONOSCIMENTO di cui al comma 3 dell'art. 20 del D. Lgs. 81/08. Il primo è a carico della produzione, mentre il secondo è a carico del datore di lavoro della aziende che svolgono attività in regime di appalto o subappalto. Tale obbligo grava anche in capo ai lavoratori autonomi che esercitano direttamente la propria attività nel medesimo luogo di lavoro, i quali sono
tenutia provvedervi per proprio conto. I lavoratori devono esporre la tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l’indicazione del datore di lavoro. Le sanzioni per la mancata esposizione vanno da 500 (al datore di lavoro che non ha consegnato il tesserino) a 300 € (lavoratore che non indossa il tesserino) a persona. Il tesserino di riconoscimento non deve avere nessun timbro di nessun Ente (questo recita la legge) Quindi tra PASS e Tesserino di riconoscimento c'è una bella differenza.
Saluti
Alessandro Alì
alessandro
 
Messaggi: 166
Iscritto il: lun giu 25, 2007 6:01 pm

Re: fonico e corsi

Messaggiodi keepsound » dom mag 20, 2012 11:39 am

Io ho parlato del pass, non del tesserino di riconoscimento che so bene essere altra cosa.
Sul pass va apposto il timbro Siae.
Alessandro...ma perche' non mi capisci? Ragioni come un ingegnere.
Ciao
Italo Lombardo
Avatar utente
keepsound
 
Messaggi: 3857
Iscritto il: lun giu 25, 2007 6:01 pm
Località: La Spezia

Re: fonico e corsi

Messaggiodi alessandro » dom mag 20, 2012 12:04 pm

forse perchè lo sono

PS ho frainteso perchè improvvisamente mentre si parla di rischi viene fuori il pass. E mi sono detto: vuoi vedere che si confonde pass con tesserino?
Alessandro Alì
alessandro
 
Messaggi: 166
Iscritto il: lun giu 25, 2007 6:01 pm

Re: fonico e corsi

Messaggiodi keepsound » dom mag 20, 2012 12:20 pm

Alessandro,
devo insistere col dirti che non capisci cio' che dico e scrivo, purtroppo.
Ho tirato fuori il pass timbrato SIAE in relazione al fatto che chi lavora nel mondo dello spettacolo si occupa di musica e non di rumore di cantiere. tanto che anche i lavoratori muniti di pass (non tesserino Enpals o altro) sono considerati dalla SIAE usufruenti di arte soggetta a diritto dì'autore, tanto da richiedere l'applicazione del timbro sul pass stesso. Il rumore non e' soggetto a diritto d'autore.
Questo anche per fare capire che non si puo' considerare l'attivita' di montaggio di uno spettacolo esclusivamente una attivita' di cantiere con tutto l'annesso (regole e regoline) di cui vai parlando (protezioni rischio rumori).
Lo so che tu non c'entri nulla con le normative, non le hai fatte tu, e nemmeno io, purtroppo.
Ma vuoi sapere cosa ne penso io a riguardo del lavoro in teatro? che non e' da assimilare ad un cantiere edile, piuttosto ai lavori che si svolgono normalmente su una nave scuola quale la Vespucci. Ci sei mai salito sopra? Ecco, ti consiglio di farlo.

Il fatto che tu sia un ingegnere in questo caso non ti fa molto onore, sembra che tu vada continuamente a cercare l'ago nel pagliaio e alla ricerca dell'uovo marcio dovunque, anziche' aiutarci nella risoluzione delle problematiche tecnico-legislative relative al nostro lavoro.

Scusa, ma me le hai fatte girare, mi sembra di dover discutere con un ingegnere di una qualche commissione.
Ciao

PS io non confondo un tesserino con un pass, mi hai preso per scemo? Ah, lo sai a cosa serve il tesserino? A riconoscere piu' facilmente l'identita' di colui che e' rimasto con la testa fracassata sotto ad una struttura crollata (il piu' delle volte crollata grazie ad un progetto stilato e firmato da un ingegnere)...il tesserino dovrebbero farlo portare solo agli ingegneri, con bene evidente il numero di appartenenza all'albo.
Italo Lombardo
Avatar utente
keepsound
 
Messaggi: 3857
Iscritto il: lun giu 25, 2007 6:01 pm
Località: La Spezia

Re: fonico e corsi

Messaggiodi alessandro » dom mag 20, 2012 12:44 pm

E tu saresti un moderatore?
Quello a non capire un cazzo sei tu. E con questa storia del cantiere continui a creare confusione tra chi legge. Il TEATRO è un luogo di lavoro come la Vespucci o qualsiasi altro posto. Il D. Lgs 81/08 è il decreto sula sicurezza e salute dei lavoratori sui luoghi di lavoro (teatri, palazzetti, ecc. ecc.) quindi avere il PASS con il timbro SIAE non significa un bel niente.

Ad essere maleducati non si devono seguire speciali corsi
Alessandro Alì
alessandro
 
Messaggi: 166
Iscritto il: lun giu 25, 2007 6:01 pm

Re: fonico e corsi

Messaggiodi keepsound » dom mag 20, 2012 1:43 pm

Maleducato sei tu e mi hai dato dello scemo pensando mi confondessi tra tesserino e pass, ora pure insulti la mia attivita' di moderatore...io non ti ho insultato personalmente, t'ho solo invitato a non considerare idioti gli altri.
Forse anche questa e' una richiesta di un qualche ingegnere di commissione:
414680_3142674892348_1429250385_32114556_1901964096_o.jpg
414680_3142674892348_1429250385_32114556_1901964096_o.jpg (323.02 KiB) Osservato 4179 volte

Forse anche questa e' opera di un qualche ingegnere e/o architetto:
458108_223510344417456_100002754764272_310636_1552178390_o.jpg
458108_223510344417456_100002754764272_310636_1552178390_o.jpg (292.88 KiB) Osservato 4179 volte

Questa invece potrebbe essere la soluzione alle infradito antiinfortunistiche:
469949_3533391486794_1032493137_3339861_984924955_o.jpg
469949_3533391486794_1032493137_3339861_984924955_o.jpg (188.34 KiB) Osservato 4179 volte

Un saluto
Italo Lombardo
Avatar utente
keepsound
 
Messaggi: 3857
Iscritto il: lun giu 25, 2007 6:01 pm
Località: La Spezia

Re: fonico e corsi

Messaggiodi alessandro » dom mag 20, 2012 2:16 pm

e ci insisti pure.
Per ben tre volte hai detto che non ho capito e invece sarebbe più corretto dire (e anche più educato) non mi sono saputo spiegare. Sfido chiunque a capire che dietro la frase: "Ti ricordo che ogni pass deve avere applicato il timbro della SIAE."
volesse invece dire: "Ho tirato fuori il pass timbrato SIAE in relazione al fatto che chi lavora nel mondo dello spettacolo si occupa di musica e non di rumore di cantiere. tanto che anche i lavoratori muniti di pass (non tesserino Enpals o altro) sono considerati dalla SIAE usufruenti di arte soggetta a diritto dì'autore, tanto da richiedere l'applicazione del timbro sul pass stesso."
Detto questo ognuno è consapevole delle proprie azioni e non capisco cosa hai voluto dire con le foto. Ho risposto, come ha fatto Marco Molinari, alla domanda di Federico Bianchi. Fai molta confusione tra valutazione e analisi dei rischi e tutto quello c'è dietro. (es. rischio caduta oggetti dall'alto non VUOL DIRE indossare l'elmetto, così come rischio RUMORE non vuol dire andare in giro con i tappi alle orecchie).
Se così fosse i musicisti dovrebbero suonare con gli elmetti e con le scarpe antinfortunistiche.
Se comprendi il significato nella sua sostanza bene, altrimenti è meglio chiudere subito.


PS e se io vado continuamente a cercare l'ago nel pagliaio e alla ricerca dell'uovo marcio dovunque è perchè vorrei dare un mio contributo a tutta la categoria dello spettacolo, a cui mi onoro di far parte da ben 40 anni, per migliorare le condizioni lavorative di ognuno di noi (lavoratori dello spettacolo) ed evitare inutili sanzioni e soprattutto incidenti. In tutta la mia attività lavorativa non ho MAI avuto, e non hanno mai avuto chi lavora con me, incidenti sul lavoro. Sarà fortuna? sarà perchè vado a cercare l'ago nel pagliaio? Non lo so! E per dirtela tutta sono anche componente della Commissione Comunale di Vigilanza di Pubblico Spettacolo.
Ho tutti i difetti, che ci vuoi fare.
Buona domenica
Alessandro Alì
alessandro
 
Messaggi: 166
Iscritto il: lun giu 25, 2007 6:01 pm

Re: fonico e corsi

Messaggiodi keepsound » dom mag 20, 2012 3:53 pm

Non ho voglia di stare a discutere con te, non parlo coi sordi di cui non capisco il LISP.
Io di lavoro sul campo ne ho fatti 30, di anni, e anche a me non e' mai successo nulla, e non grazie a leggi e commissioni di sicurezza, comunali, regionali o nazionali che fossero, men che meno ho mai visto tuoi colleghi sui luoghi di spettacolo a far controlli o quant'altro. (forse oggi vanno in giro a far multe, o a minacciare multe), di base cercano solo lavoratori in nero.

La realta' e' che queste normative saltano fuori solo adesso, dopo due morti, e in sostanza, per tornare in topic, ancora non hai detto nulla sulla normativa riguardante la protezione ai rischi derivati dal rumore...secondo te come dovremmo proteggerci, col prosciutto nelle orecchie?
Hai scritto:
Fai molta confusione tra valutazione e analisi dei rischi e tutto quello c'è dietro. (es. rischio caduta oggetti dall'alto non VUOL DIRE indossare l'elmetto, così come rischio RUMORE non vuol dire andare in giro con i tappi alle orecchie).....
Ora mi spieghi cosa vuoi dire tu!!!! Parli di sostanza ma butti li frasi a caso.

Lo vuoi sapere cosa dice la legge?:
Dispositivi di protezione dell’udito
Palline e tappi per le orecchie.
Caschi (comprendenti l’apparato auricolare).
Cuscinetti adattabili ai caschi di protezione per l’industria.
Cuffie con attacco per ricezione a bassa frequenza.
Dispositivi di protezione contro il rumore con apparecchiature di intercomunicazione.

Allora, di cosa stiamo parlando? Sempre di prosciutto nelle orecchie?

Per la protezione del capo per caduta oggetti dall'alto ti rimando alla legge (vedi link)

Questo il link con l'aggiornamento della legge che hai citato:
http://www.lavoro.gov.it/NR/rdonlyres/5 ... zo2011.pdf
magari ti puo' essere utile.


E quindi, visto che sei tra di noi da 40 anni, che hai fatto nei precedenti 39 anni?, avrei dovuto vederti o incontrarti da qualche parte.

Sulla frase da capire e intendere, chiunque faccia veramente questo mestiere la capisce anche immediatamente, non bisogna essere dei geni per mettere insieme tre concetti: Rumore - Musica - SIAE, dove SIAE non ha nulla a che vedere con Rumore, per un ingegnere come te dovrebbe essere ancor piu' facile.

Comunque si, hai tutti i difetti della tua categoria, ma ti puoi sempre redimere, e gia' il frequentare questo Forum ti fa onore, nonostante anche tu butti li' frasi quali "Le sanzioni per la mancata esposizione vanno da 500 (al datore di lavoro che non ha consegnato il tesserino) a 300 € (lavoratore che non indossa il tesserino) a persona. "
...ma secondo te, hai mai visto qualcuno fare una multa a qualche tecnico che non espone il tesserino? Lo sai che un tecnico difficilmente guadagna 300€ al giorno? e che se gli togli le tasse forse ne guadagna 150, se gli va bene?, lo sai che non hai scritto che la sanzione puo' variare da un minimo di 50€ ad un massimo di 300 per il lavoratore?...perche' hai scritto 300 e basta? Sii piu' preciso come deve essere un buon ingegnere. E lo sai che un tesserino significa poco ai fini di un controllo dove cio' che sarebbe da controllare e' ben altro? Lo sai che il tesserino io, per esempio, l'ho avuto solo quest'anno? Lo sai che prima non ero nemmeno a conoscenza che il tesserino fosse pbbligatorio? Lo sai che in alcuni teatri viene richiesta l'esposizione del tesserino con il numero di appartenenza all'Enpals per poter lavorare in teatro quando cio' invece non corrisponde a verita' essendo la scelta libera, pertanto se uno e' sotto Inps puo' ugualmente lavorare in teatro? Lo sai che molti teatri non sanno questa cosa, ovvero che sarebbe sufficiente si il tesserino, ma indifferentemente con su il numero Inps o Enpals? E secondo te questi non sarebbero da multare? Ma proprio vogliamo fare multe a destra e sinistra come se non bastasse cio' che sta facendo lo Stato con la tassazione feroce per ogni dove? Non ti sembra che si stia cercando in ogni modo di fare repressione sui lavoratori e che non e' in questo modo che si crea prevenzione? Non ti sembra che anche tu stia partecipando al primo modo di vedere la cosa?

Secondo l'art. 20 da te citato, ecco quanto ci sta scritto:
Articolo 20 - Obblighi dei lavoratori
1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro.
2. I lavoratori devono in particolare:
Sanzioni per il preposto
• Art. 19, co. 1, lett. a), c), e) ed f): arresto fino a due mesi o ammenda da 400 a 1.200 euro [Art. 56, co. 1, lett. a)] • Art. 19, co. 1, lett. b), d) e g): arresto fino a un mese o ammenda da 200 a 800 euro [Art. 56, co. 1, lett. b)]
a) contribuire, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all’adempimento degli obblighi previsti a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;
b) osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della
protezione collettiva ed individuale;
c) utilizzare correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto e,
nonché i dispositivi di sicurezza;
d) utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione;
e) segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei
dispositivi di cui alle lettere c) e d), nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a
conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell’ambito delle proprie competenze e
possibilità e fatto salvo l’obbligo di cui alla lettera f) per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e
incombente, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza;
f) non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo;
g) non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che
possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori;
h) partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro;
i) sottoporsi ai controlli sanitari previsti dal presente Decreto Legislativo o comunque disposti dal medico
competente.
3. I lavoratori di aziende che svolgono attività in regime di appalto o subappalto, devono esporre apposita tessera
di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l’indicazione del datore di
lavoro12. Tale obbligo grava anche in capo ai lavoratori autonomi che esercitano direttamente la propria attività nel
medesimo luogo di lavoro, i quali sono tenuti a provvedervi per proprio conto13.
12 Ai sensi dell’art. 5 (Identificazione degli addetti nei cantieri) della Legge 13 agosto 2010 n. 136, pubblicata sulla G.U. n. 196 del 23 agosto 2010, in vigore dal 7 settembre 2010, nella tessera di riconoscimento dovrà essere precisata anche la data di assunzione e, in caso di subappalto, la relativa autorizzazione. 13 Ai sensi dell’art. 5 (Identificazione degli addetti nei cantieri) della Legge 13 agosto 2010 n. 136, pubblicata sulla G.U. n. 196 del 23 agosto 2010, in vigore dal 7 settembre 2010, la tessera di riconoscimento dei lavoratori autonomi deve contenere anche l'indicazione del committente.

Ora, o sei piu' chiaro tu in cio' che dici di insegnare, o tutto quanto e' stato detto trova il tempo che trova.
E non mi venire ad offrire la frequentazione di un corso a pagamento, visto che anch'io qua sto aggratis.

Ciao
Italo Lombardo
Avatar utente
keepsound
 
Messaggi: 3857
Iscritto il: lun giu 25, 2007 6:01 pm
Località: La Spezia

PrecedenteProssimo

Torna a Consigli, diritti e doveri dei tecnici per lo spettacolo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

apri »