Pagina 1 di 4

LO ZIOSONDAGGIO: La crisi, questa sconosciuta

MessaggioInviato: sab feb 21, 2009 1:27 pm
di hucchio
Salve a tutti,
facciamo questo giochetto giusto per provare la nostra nuova funzione "sondaggi".

L'argomento è molto serio e, proprio per questo, o lo si affronta in maniera diretta e approfondita con strumenti "giornalistici" oppure ci si fanno quatttro risate sopra. Sempre meglio mantenere la voglia di ridere.

Anche se in maniera "easy" e scanzonata un sandaggio di questo tipo può dare un'idea di base della percezione di questa creatura non meglio identificata...LA CRISI!

Forza e coraggio. 8-)

Re: LO ZIOSONDAGGIO: La crisi, questa sconosciuta

MessaggioInviato: mer mar 04, 2009 3:17 am
di keepsound
la cosa che piu' mi sta sulle balle di questa crisi e' che non posso piu' acquistare il mio solito barattolo di caviale di storione beluga...

Re: LO ZIOSONDAGGIO: La crisi, questa sconosciuta

MessaggioInviato: mer mar 04, 2009 11:36 am
di hucchio
A chi lo dici...
Pensa che mi tocca ripiegare sulla Veve Cliquot, uno chapmagnini entry levele e fatto maluccio...mah...


La cosa bella è che appena chiedi un'opinione, anche scanzonata, nessuno sa, nessuno risponde.
Vedi rapporto tra visite e votanti...;-)

Re: LO ZIOSONDAGGIO: La crisi, questa sconosciuta

MessaggioInviato: gio mar 12, 2009 11:25 pm
di JPP
La crisi c' e si vede però a Dicembre pensavo che sarebbe stato un bagno di sangue, invece devo dire che non è così (perlomeno da quello che sento in giro da colleghi, concorrenti, amici), Gennaio non è stato buono ma a febbraio e marzo si è lavorato e le premesse per il futuro non sembrano male, sotto certi aspetti è andata pure bene: benzina, tariffe ed alimentari in genere rispetto a Settembre/Ottobre sono pure diminuiti, le rate del mutuo che sto pagando sono diminuite: credo che i più penalizzati siano i commercianti perchè credo che la gente spenda con più oculatezza e pensi di più al domani; credo che rispetto al resto d'Europa l'Italia possa uscirne meglio perchè l'ossatura produttiva è costituita da una miriade di piccole imprese: quello che in Italia fanno 5.000 (butto lì un numero) piccole aziende viene fatto in Germania o Francia con una o due aziende, non a caso la Germania che è sempre stata "trainante" in Europa adesso è probabilmente quella più in difficoltà. Spero tanto di non sbagliarmi perchè sarebbe davvero un peccato vedere tanta brava gente a spasso per colpa di un meccanismo molto più grande di noi, un meccanismo spesso malsano come Parmalat, Cirio, bond e tante altre truffe finanziarie grandi, medie e piccole fatte ai danni di persone che hanno avuto il solo torto di fidarsi di questa o quella banca, brooker e quant'altro, meccanismo che non possiamo controllare ma che influenza così tanto le nostre vite.
Comunque, tanto per essere ottimisti, son riuscito a non cambiare Champagne!!!

Ciao a tutti ed in culo alla balena!!! (perdonatemi il "francesismo")

Re: LO ZIOSONDAGGIO: La crisi, questa sconosciuta

MessaggioInviato: ven mar 27, 2009 10:53 am
di Pape
Ave,fino a dicembre mi sembravauna cosa sostenibile,con l'arrivo dell'anno nuovo non ho lovorato punto...alcuni colleghi al contrario non hanno problemi.Probabilmente dipende anche da dove uno si trova e che giro di lavoro ha.Probabilmente io sento la crisi perché sono giovane e le persone per cui lavoro sono poche.

Re: LO ZIOSONDAGGIO: La crisi, questa sconosciuta

MessaggioInviato: sab mar 28, 2009 12:17 pm
di Libo
Io sono dipendente di un service e lavoro ce n'è come sempre (considerando che gennaio e febbraio sono da sempre mesi morti) il problema è che i clienti pagano meno e in ritardo! Il mio capo è in grossa difficoltà perchè troppi clienti, anche quelli abituali stanno rimandando all'infinito i pagamenti...

Re: LO ZIOSONDAGGIO: La crisi, questa sconosciuta

MessaggioInviato: mer apr 08, 2009 6:11 pm
di lucabaraldo TC
Ciao ragazzi,
la crisi c'è ed è soprattutto economica..cioè ci sono pochi soldi in giro e anche se c'è un po' di lavoro aspetti i soldi ormai per tempi biblici!
Io e altri soci abbiamo aperto una coop, ci troviamo sempre a dover pagare i contributi, le tasse e l'iva in anticipo...prima di incassare...e se pensate che aspettiamo dei soldi da settembre...che ve lo dico a fare? personalmente invece sono rimasto fermo da metà dicembre a fine febbraio..poi qualcosa è partito! e la coop lavoricchiava..però devo dire che ho utilizzato il tempo per crearmi disegni luce e altro..oramai si può lavorare in ufficio e simulare il tuo show..quindi diciamo che non prendi sodli..ma neanche ti stanchi ad appendere fari!..a tal proposito in anteprima per lo zio forum pubblico la poesia intitolata:

"Il motorizzato"

Vorrei essere un faro motorizzato,
sempre tranquillo, mai incazzato,
niente consuntivi e liti col cliente
né fornitori, tasse proprio niente!
Sempre trasportato, scaricato per il mondo,
niente mal di schiena..giù..al fondo!
Nessuna richiesta da "alimentare"
ma caldi flight case e..niente da fare.

Beato lui..nei day off si gode il dolce far niente
sarà per questo che lo chiamano “intelligente”?

:twisted:
Luca Baraldo
Un saluto a tutti

Re: LO ZIOSONDAGGIO: La crisi, questa sconosciuta

MessaggioInviato: mer apr 08, 2009 8:09 pm
di Libo
Cazzarola anche io voglio essere un motorizzato :lol: :lol: :lol:

Re: LO ZIOSONDAGGIO: La crisi, questa sconosciuta

MessaggioInviato: lun apr 27, 2009 12:31 pm
di lorango
Crisi o non crisi non fa nessuna differenza. Se butta male ho già il biglietto pronto per il Brasile..

Re: LO ZIOSONDAGGIO: La crisi, questa sconosciuta

MessaggioInviato: lun mag 11, 2009 1:06 pm
di sbrebo
Io la sto subendo in pieno e me la sono anche cercata.
Causa matrimonio mi sono trasferito a Ischia e ho scoperto che se vai da un service campano proponendoti come tecnico e datore luci e gli spari 180 / 200 + iva a giornata completamente in regola dall'agibilità ai corsi previsti dal TU sulla sicurezza, ti ridono dietro dicendoti che costi troppo.
Quindi sono costretto a lunghe trasferte nelle terre nordiche di origine per non abbassare gli standard di mercato in attesa che tutti facciano come il sottoscritto per non rovinarci a vicenda cedendo alla concorrenza di chi lavora freelance a 90 euro al giorno in nero :-(